Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando sul pulsante di colore verde, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori chiarimenti vedi Cookies Policy.

Rappresentanza giudiziale dell’amministratore condominiale

Rappresentanza giudiziale dell’amministratore condominiale


A norma dell'articolo 1131, comma primo, Codice civile, tra i maggiori poteri che l'assemblea o il regolamento di condominio possono conferire all'amministratore per la rappresentanza nel condominio stesso rientrano anche quelli attinenti all'esercizio dell'azione di rivendica.
Cass. civ., sez. II, 11 agosto 1999, n. 8589

Per il disposto degli artt. 1130 e 1131 c.c. l'amministratore del condominio ha la legittimazione ad agire in giudizio, nei confronti del condomino moroso per la riscossione dei contributi, senza necessità di autorizzazione da parte dell'assemblea, rilevando l'esistenza o meno di uno stato di ripartizione delle spese approvato dall'assemblea soltanto in ordine alla fondatezza della domanda, con riferimento all'onere probatorio a suo carico.
Cass. 15 marzo 1994, n. 2452

Abbiamo 6419 visitatori e nessun utente online