Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando sul pulsante di colore verde, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori chiarimenti vedi Cookies Policy.

Come avviare l'attività di carrozziere

Come avviare l'attività di carrozziere

Definizione
L'attività di carrozziere rientra in quelle di autoriparazione insieme ai gommisti, meccanici, elettrauto. Salvo casi particolari, viene svolta in forma artigiana e prevede l'attività diretta prevalente del titolare.

Aspetti burocratici

Con la Comunicazione Unica sarà possibile richiedere sia l'iscrizione all'Albo Artigiani presso la Camera di Commercio competente che l'attribuzione della partita iva. Non sono richiesti requisiti professionali.

Aspetti fiscali

L'attività può essere svolta con regime contabile ordinario, semplificato o forfettario a seconda del fatturato. Si sconsiglia il regime forfettario solo nel caso in cui, l'attività di impresa non è gravata da importanti costi di esercizio e i ricavi sono limitati. Con il semplificato o l'ordinario si pagano le seguenti imposte e tasse: Irpef e relative addizionali, Irap, Iva, diritto annuale camerale. Con il forfettario si versa un'imposta sostitutiva fissa.

 

Aspetti previdenziali

Il titolare dell'attività viene iscritto sia nella gestione Artigiana dell'Inps dove è previsto il pagamento dei minimali previdenziali, circa 2.800,00 annui che all'Inail. Eventuali dipendenti vanno iscritti nell'apposita gestione dell'Inps e dell'Inail.