Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Cliccando sul pulsante di colore verde, acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori chiarimenti vedi Cookies Policy.

Come avviare l'attività di Acconciatore

Come avviare l'aatività di acconciatore o parrucchiere

Definizione
Se esistono i requisiti soggettivi e oggettivi indicati dalla L. 443/85 l'attività è iscrivibile all'Albo delle Imprese Artigiane.

L'attività di acconciatore è disciplinata dalla Legge 17.8.05 n. 174 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 2 settembre 2005 ed entrata in vigore 17.9.05. Le attività di barbiere e parrucchiere per uomo e donna di cui alla legge 14 febbraio 1963, n. 161, e successive modificazioni assumono la denominazione di "attività di acconciatore".

(art. 2 L. 174/2005) : "l'attività professionale di acconciatore, esercitata in forma di impresa ai sensi delle norme vigenti, comprende tutti i trattamenti e servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l'aspetto estetico dei capelli, ivi comprese i trattamenti tricologici complementari, che non implicano prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonchè il taglio e il trattamento estetico delle barba, e ogni altro servizio inerente o complementare. L'esercizio dell'attività di acconciatore con D.L. 7 del 31.1.07 convertito in legge 2.4.07 n. 40. è soggetto alla sola dichiarazione inizio attività da presentare al Comune territorialmente competente, previo accertamento del possesso dell'abilitazione professionale nonchè alla conformità dei locali ai requisiti urbanistici e igienico sanitari.

I soggetti acquistano la qualifica di barbiere mediante esperienze professionali maturate o a seguito della frequenza ad un apposito corso di riqualificazione professionale, per il quale la Regione deve indicare i contenuti. c) sostenere l'esame tecnico-pratico.

Aspetti burocratici
Va presentata una comunicazione di inizio attività al Comune detta Scia (Segnalazione certificata di inizio attività) con la quale si certificherà il possesso di tutti i requisiti richiesti dalla legge; personali, professionali e sanitari. Con la Comunicazione Unica sarà possibile richiedere l'iscrizione all'Albo Artigiani presso la Camera di Commercio competente e l'attribuzione della partita iva

Aspetti fiscali
L'attività può essere svolta con regime contabile ordinario, semplificato o forfettario a seconda del fatturato. Si sconsiglia il regime forfettario solo nel caso in cui, l'attività di impresa non è gravata da importanti costi di esercizio e i ricavi sono limitati. Con il semplificato o l'ordinario si pagano le seguenti imposte e tasse: Irpef e relative addizionali, Irap, Iva, diritto annuale camerale. Con il forfettario si versa un'imposta sostitutiva fissa.

Aspetti previdenziali
Il titolare dell'attività versa i contributi previdenziali Inps fissi. Viene iscritto all'Inail