Il vocabolario fiscale alla lettera C

Il vocabolario fiscale alla lettera C

  1. Caf (Centri di assistenza fiscale): Organizzazioni, iscritte in appositi albi tenuti dall'agenzia delle Entrate (Caf-dipendenti e Caf-imprese), che svolgono attività di assistenza fiscale nei confronti dei soggetti che ne fanno richiesta.
  2. Cambio incrociato: Tasso di cambio che si calcola sulla base della concatenazione di due diverse relazioni di cambio.
  3. Cambio medio favorevole: Circostanza che si verifica quando, relativamente ai crediti, una valuta si svaluta rispetto ad un'altra valuta estera di riferimento e, relativamente ai debiti, invece si rivaluta.
  4. Canone: Pagamento periodico dovuto da chi usa un bene di proprietà altrui.
  5. Capacità contributiva: Principio fondamentale sancito dalla nostra Costituzione, secondo la quale tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro "capacità contributiva". In sostanza, da un lato, nessun tributo deve colpire fatti non espressivi di capacità contributiva e, dall'altro, il contribuente non può essere sottoposto alla tassazione, se non in presenza di fatti che esprimono capacità contributiva.
  6. Capienza: Possibilità di sfruttare una detrazione d'imposta. Nell'ambito delle imposte sui redditi, infatti, una detrazione può abbattere l'imposta dovuta nei limiti di quest'ultima (ad esempio, se l'imposta lorda è pari a 1.000, le detrazioni potranno essere sfruttate nel limite di 1.000).
  7. Capital export neutrality: Criterio utilizzato per definire le condizioni di neutralità della tassazione internazionale dei redditi da capitale. La garanzia, alla base di tale criterio, è rappresentata dall'applicazione del principio di residenza nella tassazione internazionale dei redditi da capitale.
  8. Capital gain: Guadagno (gain) conseguente alla cessione di partecipazioni societarie, o alla vendita di titoli e diritti a questi riconducibili (warrants, obbligazioni convertibili, opzioni, operazioni a premio eccetera), a un prezzo superiore a quello di acquisto.
  9. Carbon tax: Tassa ecologica introdotta nel 1998 con l'obiettivo di ridurre le emissioni di anidride carbonica. Nella pratica si sostanzia in accise sugli oli minerali.
  10. Carico fiscale: Importo complessivo del prelievo fiscale cui soggiace il contribuente a seguito dell'applicazione di un tributo.
  11. Carousel fraud: Sono frodi molto frequenti nelle transazioni di merci e consistono, essenzialmente, nell'interposizione di soggetti irreperibili nelle transazioni commerciali. Normalmente la procedura che si innesca è la seguente: la società B, con sede nella Ue, acquista beni da una società A stabilita in altro Stato membro. Come accade nelle transazioni comunitarie, a fronte di tale acquisto, l'onere del pagamento dell'Iva si riversa sull'acquirente B. Questi cede a sua volta i beni, generalmente a prezzo ridotto, a un terzo soggetto C residente nel medesimo Stato. B, però, omette di versare l'imposta dovuta. La società C, secondo acquirente e definita società "tampone", rivende i beni a un'altra società residente con un margine di ricavo esiguo, paga l'imposta e ne chiede, al contempo, la restituzione (v. Frode carosello).
  12. Cartelle di pagamento: Avvisi predisposti dagli agenti della riscossione e notificati al contribuente, contenenti l'invito a pagare entro sessanta giorni le somme iscritte a ruolo.
  13. Cassetto fiscale: Servizio telematico dell'agenzia delle Entrate che dà ai contribuenti la possibilità di consultare, in tutta sicurezza, le proprie informazioni fiscali (dichiarazioni presentate, rimborsi di imposte dirette e indirette, versamenti effettuati tramite i modelli F24 e F23, atti del registro che li riguardano eccetera).
  14. Categorie catastali: Tipologie con cui sono classificati gli immobili. Le categorie catastali sono cinque: A (abitazioni), B (edifici a uso collettivo, come caserme o scuole), C (commerciali, come box, negozi, tettoie), D (immobili industriali), E (immobili speciali). In ogni categoria ci sono più sottocategorie.
  15. Centri di assistenza multicanale: Forniscono ai contribuenti informazioni di base sullo stato delle pratiche fiscali, sugli adempimenti tributari (normativa, scadenze) e sulla posizione fiscale del singolo contribuente (dichiarazioni, avvisi di irregolarità), nonché assistenza sull'invio telematico delle dichiarazioni dei redditiSinonimi: nei casi meno complessi, gli operatori del Cam possono correggere eventuali errori e annullare atti amministrativi (come, ad esempio, le comunicazioni di irregolarità) di cui accertino l'illegittimità. Il servizio, cui si accede chiamando il numero 848.80
  16. Centri operativi: Organismi istituiti a Venezia e Pescara in concomitanza con la soppressione dei Centri di servizio. Sono diventati gli uffici competenti a cui i contribuenti devono inviare alcune comunicazioni e richieste, tra cui le comunicazioni per le agevolazioni fiscali previste in materia di ristrutturazioni edilizie (che vanno inviate al Centro operativo di Pescara). I Centri operativi svolgono, inoltre, attività di gestione e controllo su istanze e ricorsi che i contribuenti devono presentare ad altri uffici dell'Agenzia.
  17. Centro degli interessi vitali: Luogo in cui un individuo mantiene il fulcro delle proprie attività personali ed economiche. E questo con riferimento alle relazioni familiari, alla sede dei propri affari o di gestione delle sue proprietà.
  18. Certificazione tributaria ("Visto pesante"): Certificazione attestante che il soggetto incaricato del controllo ("certificatore") ha accertato l'esatta applicazione delle norme tributarie relative al reddito d'impresa ed eseguito gli adempimenti, i controlli e le attività, indicate annualmente con un apposito decreto. Sono abilitati al rilascio della Certificazione tributaria i revisori contabili iscritti da almeno 5 anni agli albi dei dottori commercialisti, ragionieri e periti commerciali e dei consulenti del lavoro, abilitati alla trasmissione telematica delle dichiarazioni. Come per il visto di conformità e l'asseverazione, i certificatori devono preventivamente comunicare tale attività di controllo alla direzione regionale delle Entrate competente e stipulare una polizza assicurativa a copertura dei danni eventualmente provocati. Possono ottenere la certificazione tutti i contribuenti titolari di reddito di impresa in regime di contabilità ordinaria.
  19. Certificazioni fiscali: Strumenti di "supervisione" fiscale il cui esercizio è affidato a soggetti terzi professionalmente abilitati, al fine di garantire ai contribuenti che se ne avvalgono il corretto assolvimento di taluni adempimenti tributari. Le certificazioni fiscali possono consistere nel visto di conformità, nell'asseverazione e nella certificazione tributaria.
  20. Cessioni intracomunitarie: Costituiscono cessioni intracomunitarie, non imponibili ai fini Iva, le cessioni di beni effettuate dal territorio di uno Stato a quello di un altro Stato comunitario, sempre che si verifichino le seguenti condizioni: il venditore è un soggetto passivo in Italia, l'acquirente è un soggetto passivo in un altro Stato membro, la cessione è effettuata a titolo oneroso.
  21. Cfc: Sigla internazionale con cui vengono comunemente definite le cosiddette "società controllate estere" (controlled foreign companies).
  22. Classe catastale: Criterio di distinzione degli immobili di una data categoria catastale in relazione al grado di finitura, ai servizi, ai vani e alla posizione. All'interno della categoria A (abitazioni), ad esempio, ci sono le classi 1 - abitazione di tipo signorile - 2 - abitazione di tipo civile - 3 - abitazione di tipo economico - eccetera (categoria e classe sono indicate congiuntamente – A/1, A/2 eccetera).
  23. Codice fiscale: Sinonimi: Sequenza di caratteri alfanumerici che identifica ogni contribuente (persone fisiche, società, enti eccetera) nei rapporti con l'Amministrazione finanziaria e con gli altri enti e uffici pubblici. Per le persone fisiche viene determinato sulla base dei da, per le persone giuridiche corrisponde in genere con il numero di partita Iva.
  24. Codice Pin: Codice identificativo personale, formato da dieci cifre, che consente di usufruire dei servizi telematici dell'agenzia delle Entrate erogati mediante il canale Fisconline.
  25. Codice tributo: Sequenza di numeri e lettere che identifica il tributo, da riportare sul modello di pagamento (F23 e F24).
  26. Coefficienti di ammortamento: Aliquote da applicare ai beni strumentali per determinare la quota di ammortamento di competenza dell'esercizio. La normativa fiscale, con appositi decreti ministeriali, fissa i coefficienti massimi di ammortamento.
  27. Commercio elettronico: Vendita di prodotti per via telematica. Fiscalmente si distingue fra commercio elettronico diretto (cessione e consegna avvengono per via telematica) e commercio elettronico indiretto (la cessione avoposto alla tassazione, se nona consegna del bene avviene secondo i canali tradizionali).
  28. Commissioni tributarie: Organi competenti per le controversie di natura tributaria (v. Processo tributario).
  29. Compensazione: Modalità di estinzione del debito tributario consistente nella possibilità di compensare, mediante il modello F24, debiti e crediti con i diversi enti destinatari dei versamenti unificati. La compensazione può essere verticale (ad esempio, Irpef a debito compensata con Irpef a credito) e orizzontale (ad esempio, debito Iva compensato con credito Ires).
  30. Compromesso: È il contratto con cui le parti assumono l'impegno a concludere la compravendita.
  31. Comunicazioni: Avvisi inviati al contribuente, emessi a seguito delle attività di controllo automatico e formale delle dichiarazioni e di liquidazione dei redditi assoggettati a tassazione separata.
  32. Conciliazione giudiziale: Strumento cosiddetto "deflativo" del contenzioso. E' una procedura attraverso la quale si può chiudere un contenzioso aperto con il Fisco. Infatti, in presenza di un ricorso presentato alla Commissione tributaria provinciale, la conciliazione permette di chiudere la lite in tempi brevi, evitando così il rischio e i costi di un eventuale proseguimento del contenzioso. La conciliazione giudiziale si applica a tutte le controversie per le quali hanno giurisdizione le Commissioni tributarie provinciali.
  33. Condono fiscale: Provvedimento legislativo con cui viene data ai contribuenti la possibilità di definire in via agevolata vertenze, effettive o potenziali, con il Fisco.
  34. Conguaglio: Determinazione definitiva delle imposte dovute in un dato anno, al fine di regolare le eventuali differenze a debito o a credito. Per quanto riguarda i redditi di lavoro dipendente, ad esempio, il datore di lavoro (sostituto d'imposta) è tenuto entro il mese di febbraio all'effettuazione del conguaglio fra le ritenute operate e le imposte dovute sui redditi di lavoro dipendente corrisposti nell'anno precedente.
  35. Consiglio di presidenza della giustizia tributaria: Organo di autogoverno dei giudici tributari. Costituito con decreto del Presidente della Repubblica, dura in carica quattro anni ed è composto da undici membri eletti tra i giudici tributari e da quattro componenti eletti dal Parlamento tra professori universitari in materie giuridiche o tra i soggetti abilitati alla difesa dinanzi alle Commissioni tributarie.
  36. Consolidato fiscale mondiale: Istituto opzionale che consente a società di capitali ed enti commerciali residenti di includere pro quota nella propria base imponibile i redditi conseguiti da tutte le controllate non residenti.
  37. Consolidato fiscale nazionale: Istituto opzionale che permette ai gruppi di società residenti di determinare un'unica base imponibile ai fine Ires, pari alla somma algebrica dei redditi imponibili di ogni società che aderisce all'opzione.
  38. Contenzioso tributario: (v. Processo tributario)
  39. Conto fiscale: Conto acceso presso gli agenti della riscossione, utilizzato dai possessori di partita Iva per regolare i rapporti di debito e credito con l'Amministrazione finanziaria.
  40. Contributi in conto capitale: Contributi finalizzati, genericamente, a incrementare i mezzi patrimoniali dell'impresa.
  41. Contributi in conto interessi: Contributi destinati al pagamento totale o parziale degli interessi di chi ha acceso un finanziamento a medio-lungo termine.
  42. Controllo automatico delle dichiarazioni: E' detto anche "liquidazione" della dichiarazione. E' un controllo, effettuato sulla base dei dati in possesso dell'Anagrafe tributaria, che consente di correggere errori materiali e di calcolo e di verificare la congruità e la tempestività dei versamenti.
  43. Controllo formale delle dichiarazioni: Controllo di dichiarazioni selezionate in base a criteri fissati dal direttore dell'agenzia delle Entrate, finalizzato a verificare la conformità dei dati esposti alla documentazione conservata dal contribuente e ai dati desunti dal contenuto delle dichiarazioni presentate da altri soggetti e forniti da enti previdenziali e assistenziali, banche e imprese assicuratrici.
  44. Convenzioni internazionali: Accordi stipulati tra due o più Stati al fine di regolare rapporti internazionali. Tra gli accordi bilaterali rientrano le Convenzioni contro le doppie imposizioni sui redditi e il patrimonio, intese a prevenire o eliminare la doppia imposizione e a coordinare l'attività accertatrice nei rispettivi Territori.
  45. Corrispettivo: Somma pagata per l'acquisto di un bene o di un servizio. Può comprendere l'imposta sul valore aggiunto (Iva) che viene addebitata all'acquirente a titolo di rivalsa.
  46. Cost sharing agreement: Accordi, sottoscritti da consociate di gruppi multinazionali, che regolamentano le operazioni di riaddebito dei costi per i servizi infragruppo.
  47. Costituzione in giudizio: Deposito del ricorso (nel caso del ricorrente) o delle controdeduzioni (nel caso del resistente) presso la segreteria della commissione tributaria adita.
  48. Criterio di cassa: Modalità di imputazione di componenti positivi e negativi di reddito che individua il momento della loro tassazione in quello (nell'esercizio, nell'anno) in cui avviene il relativo incasso o pagamento. In base a tale criterio sono tassati i redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo.
  49. Criterio di competenza: Modalità di imputazione di componenti positivi e negativi di reddito che individua il momento della loro tassazione in quello (nell'esercizio, nell'anno) in cui avviene la loro maturazione economica, a prescindere dalla manifestazione numeraria (incasso o pagamento). In base a tale criterio sono tassati i redditi di impresa.CudE' la "Certificazione unica dei redditi", valida sia ai fini tributari che previdenziali, consegnata ai lavoratori dipendenti e pensionati e a coloro che percepiscono redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente. Nel Cud sono sintetizzati i redditi corrisposti, le ritenute, le deduzioni e le detrazioni fiscali, i dati previdenziali e assistenziali dei contributi versati o dovuti agli enti previdenziali, i contributi previdenziali e assistenziali a carico del lavoratore, versati o dovuti agli enti previdenziali. A partire dal 1998 ha sostituito i modelli 101 e 201.Cumulo giuridico (delle sanzioni)Principio per cui in determinati casi si applica una sanzione unica e ridotta (cumulo giuridico) e non quella derivante dalla materiale sommatoria delle sanzioni relative ai singoli illeciti (cumulo materiale). Nel concreto, quando il contribuente, anche in tempi diversi, commette più violazioni che, nella loro progressione, pregiudicano o tendono a pregiudicare la determinazione dell'imponibile o dell'imposta, si applica la sanzione che dovrebbe infliggersi per la violazione più grave, aumentata dal quarto al doppio.Cuneo fiscale e contributivoE' la differenza tra il costo del lavoro sostenuto dall'impresa e la retribuzione netta che resta a disposizione del lavoratore. È costituito dalle imposte e dai contributi commisurati alla retribuzione, che sono pagati dal datore di lavoro e dal lavoratore. È quindi formato da un insieme eterogeneo di componenti che gravano su soggetti diversi.Current ratioRapporto tra attività e passività correnti di un'impresa.
Joomla SEF URLs by Artio
Privacy Policy Cookie Policy
IMPRESA FUTURA SRL
Località Madonna delle Grazie n°6, Guardiagrele CH, P.Iva 02336750696, cap.sociale 10.000 n.i.v. - Referente, Dott. Caramanico Alessandro Commercialista  e Revisore Contabile già titolare di uno studio di consulenza.fiscale

Abbiamo 4657 visitatori e nessun utente online