Fac-simile Regolamento interno all'azienda. Permessi, orari e assenze

Fac-simile Regolamento interno all'azienda. Permessi, orari e assenze

Ricerche correlate a Fac-simile Regolamento interno all'azienda. Permessi, orari e assenze
regolamento interno aziendale
regolamento interno aziendale metalmeccanici
regolamento interno aziendale commercio
regolamento aziendale disciplinare
regolamento interno aziendale word
fac simile regolamento aziendale interno metalmeccanici
regolamento aziendale lavoratori
regolamento aziendale e codice disciplinare 

 

 

A partire dal ..........la ..........in coerenza con quanto previsto dal c.c.n.l. ..........applicherà il seguente regolamento intero per la disciplina degli orario di lavoro, dei permessi e delle assenze.

 

1. MODALITÀ DI ENTRATA E USCITA DALL’AZIENDA

 

1.1 Orari di lavoro

 

In Azienda sono effettuabili i seguenti orari di lavoro distribuiti su .......... giorni.

 

Personale a giornata

Riepilogo orario impiegati: 8.30-12.30 - 14.30-18.30 (oppure 8.00-12.00 - 13.00-17.00 oppure 8.00-13.00 - 13.30-16.30).

 

Per operai e personale di produzione.

Mattino

1^ sirena ore 7.50

Preparazione, vestizione e spostamento verso il reparto di appartenenza

 

2^ sirena ore 7.55

Inizio attività lavorativa presso il reparto

(la timbratura deve avvenire prima della 2^ sirena)

 

3^ sirena ore 11.55

Sospensione attività lavorativa per pausa pranzo

Spostamento verso il marcatempo (timbratura di uscita)

Pomeriggio

1^ sirena ore 13.20

Preparazione, vestizione e spostamento verso il reparto di appartenenza

 

2^ sirena ore 13.25

Ripresa attività lavorativa presso il reparto

(la timbratura deve avvenire prima della 2^ sirena)

 

3^ sirena ore 17.25

Termine attività lavorativa giornaliera

Spostamento verso il marcatempo (timbratura di uscita)

 

L’orario di lavoro continuato si deve svolgere su un orario giornaliero compreso tra le ore 7.00 e le ore 19.00 e deve essere preventivamente concordato con il proprio Responsabile e autorizzato dall’Ufficio del personale.

..........

 

Pause

E’ consentito durante l’orario di lavoro del personale a giornata recarsi singolarmente (in coppia o più persone, nel caso di lavoro di linea) presso i distributori di bevande per un massimo di 2 (due) volte al giorno, le bevande stesse devono essere consumate presso il distributore o nelle salette apposite. I dipendenti possono assentarsi dal luogo di lavoro per un tempo complessivo massimo di 10 minuti per turno sempre con un massimo di 2 volte giornaliere. Tali disposizioni valgono anche per chi avesse la necessità di assentarsi per fumare.

 

Le pause non devono mai essere di intralcio al lavoro, essere motivo di assembramento con più colleghi, essere causa di insicurezza degli impianti produttivi e devono essere svolte presso il proprio sito di appartenenza.

 

Personale in turno

Riepilogo orario operai: 1° turno 5.55-13.55; 2° turno 13.55-21.55; 3° turno 21.55-5.55.

Per operai e personale di produzione.

 

1^ sirena ore 5.50 (1° turno)

1^ sirena ore 13.50 (2° turno)

1^sirena ore 21.50 (3° turno)

Preparazione, vestizione e spostamento verso il reparto di appartenenza

 

2^ sirena ore 5.55 (1° turno)

2^ sirena ore 13.55 (2° turno)

2^ sirena ore 21.55 (3° turno)

Inizio attività lavorativa presso il reparto

(la timbratura deve avvenire prima della 2^ sirena)

 

3^ sirena ore 13.55 (1° turno)

3^ sirena ore 21.55 (2°turno)

3^ sirena ore 5.55 (3° turno)

Termine attività lavorativa

Spostamento verso il marcatempo (timbratura di uscita)

 

Pause

La pausa pasto (ristoro) sarà 1 sola di 30 minuti come da schema seguente:

la pausa pasto (ristoro) per il 1° turno è prevista dalle 12.00 alle 12.30;

la pausa pasto (ristoro) per il 2° turno è prevista dalle 18.00 alle 18.30;

la pausa pasto (ristoro) per il 3° turno è prevista dalle 04.00 alle 04.30.

Inoltre è consentito durante l’orario di lavoro dei turnisti recarsi singolarmente presso i distributori di bevande per un massimo di 1 (una) volta per turno, le bevande stesse devono essere consumate presso il distributore o nelle salette apposite. I dipendenti possono assentarsi dal luogo di lavoro per un tempo complessivo massimo di 10 minuti per turno sempre con un massimo di 1 volta per turno e non può essere fatta all’inizio o al termine della pausa principale. Tali disposizioni valgono anche per chi avesse la necessità di assentarsi per fumare.

 

Le pause non devono mai essere di intralcio al lavoro, essere motivo di assembramento con più colleghi, essere causa di insicurezza degli impianti produttivi e devono essere svolte presso il proprio sito.

 

1.2 PER TUTTI I DIPENDENTI E TUTTE LE SEDI

Registrazioni delle presenze

Ciascun lavoratore deve registrare giornalmente la propria presenza in Azienda durante la giornata lavorativa con i mezzi e strumenti messi a disposizione.

 

La registrazione della presenza giornaliera è obbligatoria e deve avvenire attraverso il badge all’inizio e al termine di ciascun turno di lavoro (come da tabelle di cui al paragrafo precedente), utilizzando gli orologi presenti ..........

Ciascun lavoratore deve provvedere personalmente alla timbratura del proprio cartellino marcatempo. Ogni comportamento contrario verrà disciplinarmente sanzionato.

 

La timbratura per i dipendenti con straordinario forfetizzato deve essere eseguita al fine di segnalare la presenza sia in entrata che in uscita.

 

I dipendenti con qualifica di quadro e dirigenti non hanno obbligo di timbratura, ma devono informare, via mail, l’ufficio del personale relativamente alle proprie assenze.

 

Il lavoro deve iniziare presso il reparto appena suona la 2^ sirena del rispettivo turno di orario.

Ritardi

Il conteggio del ritardo di inizio del lavoro sarà eseguito a intervalli di 15 (quindici) minuti. E’ obbligatorio avvisare l’ufficio del personale del ritardo. Gli eventuali ritardi verranno compensati con le ore di lavoro oltre le 8 ore effettuate nello stesso giorno. Gli straordinari dovranno, peraltro, essere autorizzati dal diretto superiore.

 

Il ritardo entro i 15 minuti deve essere recuperato alla fine della stessa giornata mediante una prestazione di lavoro di 15 minuti di effettivo lavoro; il ritardo non recuperato verrà considerato come assenza non retribuita. Non è ammesso il recupero delle ore in altri momenti della giornata (es. pausa pranzo).

 

Il ritardo superiore a 15 minuti non giustificato, salvo casi di forza maggiore, verrà considerato assenza non giustificata e non retribuita e sarà oggetto di provvedimento disciplinare.

 

Pausa pranzo

L’Azienda mette a disposizione del personale un servizio mensa che richiede la prenotazione del pasto il giorno precedente.

 

L’Azienda partecipa al servizio mensa con un contributo di € .......... il restante valore del pranzo sarà a carico del lavoratore.

Per ragioni di sicurezza e nel rispetto della normativa in vigore, è vietata la somministrazione e la consumazione di bevande alcoliche durante la pausa pranzo.

 

2. lavoro straordinario

L’azienda, attraverso i Capi reparto/ufficio, i Capi fabbrica e i Direttori di stabilimento potrà richiedere l’effettuazione di ore di lavoro straordinarie per specifiche esigenze aziendali. Tali ore potranno essere effettuate prima o dopo l’orario giornaliero e/o al sabato mattina.

 

Le richieste di ore straordinarie individuali devono essere riportate ai rispettivi Responsabili di reparto/ufficio che valuteranno se consentirle o organizzare il lavoro nel modo più opportuno.

 

Il conteggio delle ore straordinarie sarà eseguito considerando intervalli di tempo di mezz’ora se effettuate prima dell’inizio dell’orario di lavoro oppure con intervalli di tempo di quindici minuti se effettuate al termine dell’orario di lavoro.

 

Non è consentito eseguire lavoro straordinario non autorizzato. I Capi reparto e i Responsabili che abbiano tali esigenze devono compilare l’apposito modulo di “Autorizzazione all’effettuazione di orari straordinari” da consegnare all’ufficio amministrazione del personale.

 

3. Assenze per malattie, permessi E FERIE

3.1 Malattia.

L’assenza dal lavoro va comunicata alle persone delegate (come da schema in bacheca aziendale) entro l’inizio del turno di lavoro e il numero del certificato comunicato dal medico di famiglia (o l’eventuale certificato cartaceo nei casi previsti) va fatto pervenire entro il secondo giorno dell’assenza all’Ufficio del personale.

 

3.2 Permessi

La richiesta di permesso è necessaria, preventiva e va siglata dal Responsabile di reparto/ufficio. Deve essere effettuata di norma con un giorno di anticipo o, in casi straordinari, entro la prima mezz’ora dell’orario di lavoro del giorno stesso. Potranno essere usufruiti permessi per il tempo minimo di quindici minuti e per multipli della stessa durata. Eventuali ore di lavoro effettuate in eccedenza rispetto alla durata del permesso richiesto, saranno computate in diminuzione dello stesso.

E’ possibile la fruizione dei permessi, giustificati con permessi, ex festività e r.o.l., solo se gli stessi sono maturati. In caso contrario non è possibile usufruire degli stessi e verrà conteggiato un permesso non retribuito.

 

4. Ferie

E’ previsto un periodo di ferie di 3 (tre) settimane da effettuarsi nel mese agosto (chiusura degli stabilimenti). La comunicazione specifica avverrà entro il mese di marzo dell’anno di riferimento.

 

La quarta settimana di ferie sarà goduta in accordo con il Responsabile di reparto/ufficio compatibilmente con le esigenze organizzative attinenti la funzionalità del reparto o dello stabilimento, nonché le esigenze legate a picchi di produzione non prevedibili o ragioni motivate da situazioni eccezionali e imprevedibili, evitando in ogni caso i mesi di ..........

 

La richiesta della settimana individuale dovrà essere presentata almeno con un preavviso di .......... giorni e il periodo richiesto non può essere inserito all’inizio o al termine delle ferie collettive.

Durante i periodi di chiusura per ferie collettive, sarà comunque necessaria la presenza di personale per far fronte a esigenze che potranno presentarsi nei settori produttivo, amministrativo, commerciale e della manutenzione.

 

5. Trasferte

Tutte le trasferte del personale devono essere preventivamente concordate e autorizzate dal diretto Responsabile, compilando il previsto modulo di autorizzazione.

 

Per le trasferte all’estero si deve contattare l’Ufficio del personale in tempo utile per la necessaria comunicazione all’Inail.

 

Per l’organizzazione delle trasferte e dei viaggi sarà seguito quanto previsto dall’attuale “Travel Policy” aziendale.

 

È fatto obbligo a tutti i dipendenti, senza distinzione di ruolo e/o livello, di osservare le norme contenute nel presente regolamento. Copia del regolamento, oltre ad essere affisso nella bacheca aziendale, verrà consegnato a ciascun dipendente.

 

Con l’entrata in vigore del presente regolamento tutte le disposizioni in precedenza adottate in materia, in qualsiasi forma comunicate, devono intendersi abrogate.

Joomla SEF URLs by Artio
Privacy Policy Cookie Policy
IMPRESA FUTURA SRL
Località Madonna delle Grazie n°6, Guardiagrele CH, P.Iva 02336750696, cap.sociale 10.000 n.i.v. - Referente, Dott. Caramanico Alessandro Commercialista  e Revisore Contabile già titolare di uno studio di consulenza.fiscale

Abbiamo 13607 visitatori e nessun utente online